venerdì 29 novembre 2013

GIOVEDI 5 DICEMBRE APERITIVO LETTERARIO



Sulle rive del fiume Lambro si svolge l’ultimo aperitivo letterario del 2013; un appuntamento da non perdere!


Vi aspettiamo, NON MANCATE!

venerdì 6 settembre 2013

OSCULATI E IL FUORI GP 2013

SABATO 7 SETTEMBRE INIZIATIVE DELL'ASSOCIAZIONE GAETANO OSCULATI

Alle 11.00 e alle 20.00 Tour guidato in Italiano e Inglese nei luoghi della storia di Biassono.

 Alle 18.30

VI ASPETTIAMO NUMEROSI






giovedì 20 giugno 2013

NEMO PROPHETA IN PATRIA






Brasilia, Sabato, 1 giugno: Rinaldo Osculati del Team Nautica, ha ricordato il viaggio di Gaetano Osculati in Sud America, avvenuto nel lontano 1840, e con l’occasione, a nome della nostra associazione, ha donato al Governatore di Brasilia, Agnelo Dos Santos Queiroz, una copia del libro intitolato “ Esplorazioni Equatoriali dal Rio Napo al Rio Delle Amazzoni” scritto dall’illustre avo Gaetano, che narra del suo straordinario viaggio nell’America del Sud.

Nella foto: Rinaldo Osculati detto Rinni dona il libro al Governatore di Brasilia, Agnelo Dos Santos Queiroz.  
 
Gaetano Osculati, che da il nome alla nostra Associazione, è stato un famoso e riconosciuto esploratore e botanico, che durante il suo secondo viaggio nel Sud America ha scoperto in Equador le sorgenti del fiume Napo, e con la  traversata delle Ande è stato il primo Italiano a fare il viaggio coast-to-coast tra i due oceani.( Per questo fu definito il Marco Polo dell’America del Sud ).

“Sono orgoglioso di ripercorrere le orme di Gaetano, un uomo che è molto presente nella mia vita,  perché di lui si parlava molto nella mia famiglia, fin da quando ero bambino,” ha dichiarato Rinaldo.


Inaspettato il calore e la simpatia con cui è stato accolto Rinaldo Osculati, pronipote di Gaetano che in occasione di una gara di F1 Inshore, ha ripercorso le orme dell’illustre predecessore.
Il Governatore si è fatto promotore di instaurare dei contatti tra la nostra Associazione Culturale con Associazioni Culturali Brasiliane.
Ci spiace constatare, che siamo accolti meglio dalle autorità di Brasilia che di Biassono.
Nemo propheta in patria sua.




martedì 21 maggio 2013

RINALDO OSCULATI SULLE ORME DI GAETANO


OSCULATI UN VIAGGIO NEL TEMPO


Ma torniamo al Mondiale di F1 che, di sicuro, avrà un «sapore» diverso per il monzese Rinaldo Osculati che, a Brasilia, farà una sorta di viaggio a ritroso nel tempo, sulle tracce, datate cinque generazioni fa, di un suo antenato, Gaetano Osculati (San Giorgio al Lambro, 28 ottobre 1808 - Milano, 14 marzo 1894), divenuto famoso nel mondo come esploratore, cartografo e botanico. Conoscitore ed esploratore delle Americhe, fu il primo italiano ad attraversare tutta l'Amazzonia e proprio per quello venne soprannominato Il Marco Polo del Brasile. Dopo aver visitato già mezzo mondo, e qualcosa in più, Gaetano Osculati fece il primo viaggio in Sudamerica nel 1834, ma, Transamazzonica a parte, la sua più importante e ardita impresa resta quella che lo vide partire dall'Ecuador e raggiungere le coste dell'Oceano Pacifico scendendo il Rio Napo, un affluente del Rio delle Amazzoni che i conquistatori spagnoli avevano scoperto tra il 1540 e il 1541. Il viaggio proseguì poi lungo il Rio delle Amazzoni sino all'Oceano Atlantico. «Ardita, anzi temeraria impresa - scrisse nelle sue memorie -, superiore di troppo alle forze dell’individuo, perché oltre che l’esplorazione di regioni inospiti e quasi del tutto sconosciute, si dovevano incontrare tribù indiane ritenute tra le più crudeli e selvagge, sempre in guerra tra loro, aborrenti da qualsiasi arte della civiltà, date alcune all’antropofagia, celebri soltanto nella scienza di filtrare veleni e di massacrare nemici». Nonostante queste traversie, Osculati riuscì a portare a termine la sua più grande impresa, «nutrendosi di frutta e carni di tapiri e di scimmie appena rosolate». Da quel viaggio (1846-1848) portò in patria una mole impressionante di notizie e raccolte di reperti etnografici ed entomologici che affidò anche ai musei italiani. Durante la permanenza con gli indigeni, scoprì che alcune piante medicinali e officinali, come la cinchona, allontanavano la malaria, riportando queste notizie all'ambiente scientifico. Molte delle scoperte di Gaetano finirono nel Museo della scienza e della tecnologia di Milano, dove rimasero fino all’agosto del 1943, quando il Museo fu sepolto in un bombardamento. Per Rinni Osculati, un motivo in più per sperare di far bene sulle acque del Lago Paranoà: «Sono così orgoglioso di essere sulle orme di Gaetano, un uomo che mi sento di poter quasi di conoscere personalmente, visto che, in famiglia, è stato nominato spesso; ho sentito parlare di lui sin da quando ero ragazzino. Lo "vedo” e lo sento come se fosse un grande zio e, anche se potrà sembrare una cosa semplice, cercherò di onorare questo grande uomo mettendo un adesivo sulla mia barca in memoria dei suoi viaggi. Per ricordarlo ulteriormente, con me porterò anche una copia di un suo libro (Explorations in America equatoriale), scritto nel 1854, che regalerò ai rappresentanti brasiliani che hanno curato l'organizzazione di questo Gran Premio di Brasilia».

martedì 7 maggio 2013

REVOLUTION ROCK


Lunedi 13 Maggio ultima serata dedicata al ROCK
NIRVANA E GRUNGE
A BIASSONO in Villa Monguzzi alle 21.00



Seguici anche su FB @ REVOLUTION ROCK

giovedì 2 maggio 2013

REVOLUTION ROCK

Lunedi 6 Maggio alle 21.00
in Villa Monguzzi 
Nuovo appuntamento con la storia del Rock.


Stavolta spazio ai rockettari duri, anzi durissimi, con la storia del Metal dagli anni ’70 ad oggi.

Vi aspettiamo numerosissimi!!


Seguici anche su FB @ REVOLUTION ROCK

sabato 20 aprile 2013

REVOLUTION ROCK

LIVE AID CONCERT
Lunedì 22 aprile 2013
ore 21 - Biassono
Villa Monguzzi (via Cesana e Villa 34)
Ingresso libero
Ospite della serata  LUCA TAGLIABUE

sabato 13 aprile 2013

REVOLUTION ROCK

LUNEDI 15 APRILE 2013 alle 21.00 in VILLA MONGUZZI BIASSONO



Ricomincia la rassegna sul rock col documentario di Martin Scorsese su George Harrison e sui Beatles. Imperdibile per i beatlesiani, assolutamente raccomandabile per gli amanti della musica e non. Da non mancare!!

sabato 30 marzo 2013

CAMMINO DI S.AGOSTINO





Il Cammino di Sant’Agostino: pellegrinaggio alla riscoperta di una terra 

Il Cammino di Sant’Agostino, ormai più conosciuto come Cammino della Rosa, o Cammino di Compostela della Lombardia, è una proposta di cammino di 415 km,  che unisce venticinque santuari mariani della Brianza.
Il “cammino lento” è per sua natura la forma più rispettosa e sostenibile di conoscenza di una cultura e di una terra: con tale filosofia ispiratrice, il Cammino di Sant’Agostino si propone quale nuovo strumento di fruizione culturale eco-sostenibile dei territori della Arcidiocesi milanese e delle Diocesi pavese e genovese, basato sullo strumento di viaggio in assoluto più sostenibile: il pellegrinaggio a piedi.
Il Cammino di Sant’Agostino è dunque un percorso di cultura, di fede e di svago, che consente di conoscere da molteplici punti di vista i più significativi punti d’interesse dei luoghi brianzoli, milanesi e pavesi (ville di delizia, aree verdi, ambiti lacustri, vie d’acqua, chiese, monumenti artistici e storici, archeologia industriale), valorizzando i numerosi parchi esistenti e conglobando in un sistema di fruizione unitario le aree a nord e a sud di Milano e della relativa Arcidiocesi.
Un’opportunità che consente di fruire i tesori artistici, architettonici, ambientali, culturali di un territorio che fu capitale dell’Impero, regno Longobardo, Ducato di Milano. E che soprattutto riscopre il patrimonio turistico in ottica di viaggio lento e sostenibile, coerente col tema “ecologico” del prossimo evento internazionale milanese Expo 2015: “nutrire il pianeta, energia per la vita”.

lunedì 11 marzo 2013

EDITH STEIN. Dialogo tra le ceneri.



COMPAGNIA      Teatro dell’Aleph
CON                      Elena Mangola
REGIA                   Giovanni Moleri
INGRESSO GRATUITO

Edith Stein fu certamente una delle donne più significative del nostro secolo e la sua figura spicca nella storia del Novecento per coerenza e coraggio. Edith si adoperò con scritti e conferenze per promuovere il ruolo della donna nella società e nella chiesa, rischiarando con la testimonianza della sua vita e con il sacrificio uno dei periodi più foschi della storia europea.
Lo spettacolo, liberamente tratto dagli scritti filosofici ed epistolari raccolti dopo la morte di Edith Stein, è la testimonianza di una donna che, deportata nel campo di sterminio di Auschwitz, interroga la propria fede e la propria umanità, nell’attimo di consegnare la propria esistenza alla folle crudeltà umana, cercando dare un senso alla violenza gratuita che tenta di ridurre l’uomo al silenzio.
Edith Stein, ebrea di nascita e quindi sorella per stirpe di Gesù di Nazareth, anche lui rinnegato e ucciso con una morte umiliante, si sentì chiamata a offrirsi con lui per il suo popolo. Ebbe così la sorte, ma si può dire anche il privilegio, di sigillare nel sangue i principi sui quali aveva fondato la sua esperienza cristiana, per questo il suo messaggio resta un grido di libertà e di risurrezione consegnato alle donne e agli uomini di ogni tempo.
Ella si pone come un vessillo di rispetto, di tolleranza e di accoglienza che invita tutti a comprendersi e accettarsi aldilà delle differenze etniche, culturali e religiose, per formare una società veramente solidale e fraterna.
Proporre uno spettacolo su Edith Stein significa perciò avere la possibilità di riflettere sulla testimonianza di uomini e donne che con la loro luminosa esistenza hanno saputo opporsi alla logica del buio, del potere, della diseguaglianza, della violenza e della morte.
Lo spettacolo è particolarmente adatto agli studenti delle scuole superiori.
Domenica 24 Marzo ore 21.00 in Sala Civica, via Pietro Verri - BIASSONO

sabato 2 febbraio 2013

REVOLUTION ROCK!



Rassegna di concerti e docufilm sulla storia del rock dagli anni '60 a oggi, curata dall'Associazione culturale Gaetano Osculati. In programma ogni lunedì sera, dal 4 febbraio, alle ore 21 presso Villa Monguzzi a Biassono (via Cesana e Villa 34, lungo la Provinciale Monza-Carate). Si comincia dalla leggendaria Woodstock del Flower Power (F). Ad ogni appuntamento saranno presentati gruppi rock locali di ieri e di oggi.

Chi volesse proporsi può candidarsi sulla bacheca di FB, o mandare una mail qui.